• Il Progetto

      Arriva nuova linfa per gli spettacoli dal vivo e l’intrattenimento in vista delle attività previste per l’anno 2023. Regione Lazio ha infatti provveduto alla pubblicazione di un nuovo bando volto a sostenere e ad erogare contributi per gli spettacoli dal vivo programmati per il prossimo anno. Al centro dell'avviso sono stati messi tutti gli spettacoli dal vivo e la loro produzione. Ma un occhio di riguardo è stato destinato a numerose possibilità di intrattenimento live, cercando di tenere conto del coinvolgimento della collettività e soprattutto dei più giovani. Ammessi a finanziamento, infatti, possono essere anche progetti dal respiro più ampio (e di durata triennale), volti alla creazione di centri di produzione teatrale o di danza, a festival e rassegne teatrali, musicali, di danza, a carattere multidisciplinare e anche circensi o degli artisti di strada. Nel progetto vengono incluse anche le orchestre e le ensemble musicali, oltre ai progetti volti a favorire l’accesso dei giovani allo spettacolo dal vivo in collaborazione con le istituzioni scolastiche, comprendenti anche quelli volti a formare i giovani nella musica, nel teatro o nella coreutica. Infine, possono partecipare alla richiesta di finanziamento di questo nuovo avviso anche i progetti triennali volti a creare progetti di teatro di figura o comunque iniziative di spettacoli dal vivo destinati ai bambini e all’infanzia. Oltre agli enti pubblici con sede sul territorio della regione Lazio, possono presentare domanda di contributo anche i soggetti giuridici privati costituiti ed operanti nel settore dello spettacolo dal vivo da almeno due anni (ad esempio, società e associazioni) che abbiano i requisiti previsti dall’avviso. A partire dalle ore 12.00 del 15 settembre 2022 e fino alle ore 18.00 del 31 ottobre 2022 sarà possibile presentare domanda tramite la piattaforma GeCoWeb, sul sito LazioInnova, seguendo il regolamento pubblicato sui canali di Regione Lazio.
        • Il Progetto

          Lazio Innova, in collaborazione con Università degli studi della Tuscia, Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Dipartimento di Management e impresa della Facoltà di Economia dell’Università La Sapienza, Centro Interdipartimentale Sapienza Design Research, Accademia di Belle Arti di Frosinone e ISIA Roma Design, presenta Digital Contamination Lab. Si tratta di un percorso destinato a studenti universitari, laureati, ricercatori, docenti, creativi, designer, professionisti e startupper, con l'obiettivo di sviluppare nuove idee e progetti imprenditoriali innovativi. Un laboratorio volto a muoversi nel campo dei settori della Transizione Digitale ed Ecologica, della Cultura e del Turismo tramite un percorso digitale di 60 ore, con l'obiettivo di generare un serbatoio di eccellenze e nuovi business sul territorio della regione Lazio. Il percorso mira infatti a permettere di sviluppare nuove idee, di metterle in comune e di favorire così il meccanismo della contaminazione creativa, aiutando i partecipanti ad acquisire le capacità necessarie a elaborare un progetto innovativo d'impresa. Sviluppato in collaborazione con imprese selezionate e servizi di tutor e mentoring, esso prevede sessioni formative teoriche sull’imprenditorialità e sulla definizione dei modelli di business, oltre ad incontri di laboratorio di co-design e co-progettazione. Inoltre, al termine del percorso, si svolgerà l’evento aperto al territorio del “Digilab Day”, che permetterà ai Team di presentare il proprio progetto. Per partecipare alla call è possibile presentare domanda compilando il form presente sul sito di Lazio Innova, entro la data del 20 ottobre 2022. Saranno 60 i partecipanti selezionati, per dar vita a uno dei progetti più ambiziosi destinati ai giovani del territorio. Lazio Innova offre infatti anche un premio di 5mila euro per il miglior Team e Progetto elaborato durante il percorso, con un secondo premio di 3mila euro e un terzo premio di 2mila euro. Inoltre, sono previsti ulteriori premi in servizi per i 3 team con le migliori idee d’impresa.
            • Il Progetto

              Regione Lazio ha approvato l'edizione 2022 dell'Avviso Pubblico “Dalla parola allo schermo”, per un totale di 500mila euro di fondi stanziati a sostegno della filiera del settore cinematografico e audiovisivo. L'avviso mira alla concessione di contributi dedicati alla scrittura di progetti di sceneggiatura per un importo massimo di 7mila euro per ciascuna domanda. I fondi sono destinati a tutte le proposte di scrittura di opere cinematografiche e televisive di lungometraggio, oltre a serie TV, cortometraggi e opere web. L’unico vincolo al territorio, oltre al contenuto dell'opera, riguarda l’autore: deve essere residente nel Lazio. Il tutto deve essere inedito ed originale, ovvero non tratto da altre opere non audiovisive protette ai sensi della legge sul diritto d’autore, a meno che l'autore non sia l'effettivo titolare dei diritti d'autore o di copyright. Non c'è alcun vincolo riguardo al genere dell'opera, che può spaziare tra le diverse categorie della cinematografia senza limite alcuno. Dal thriller al noir, dalla fantascienza alla commedia, dal cinema per ragazzi al drammatico. Sono ammesse sia opere fiction che documentari. Il progetto, per poter ricevere il contributo stanziato dall’Avviso Pubblico “Dalla Parola allo Schermo” deve essere ambientato nel periodo contemporaneo e deve presentare un legame stretto e radicato con il territorio del Lazio. In particolare, deve raccontare le attrattive culturali, naturalistiche ed enogastronomiche di una delle regioni più affascinanti al mondo. I progetti di sceneggiatura di opere cinematografiche e televisive di lungometraggio potranno ricevere un contributo di 7mila euro; i progetti riguardanti le serie televisive, un contributo di 5mila euro; i progetti riguardanti cortometraggi e opere web, un contributo di 3mila euro. Sarà possibile presentare la domanda a partire dalle ore 12.00 del 27 settembre 2022 fino alle ore 12.00 del 27 ottobre 2022 esclusivamente per via telematica tramite il sistema disponibile al seguente link https://app.regione.lazio.it/avvisosceneggiatura2022.
                • Il Progetto

                  La Regione Lazio ha messo a disposizione delle Startup Culturali e Creative un Fondo della creatività per il sostegno e lo sviluppo delle imprese del settore, con contributi a fondo perduto che arrivano fino a 30mila euro per ogni progetto. L'obiettivo del bando, al quale possono partecipare le micro, piccole e medio imprese con sede operativa nel territorio della Regione Lazio (già costituite da non più di 24 mesi o in via di costituzione, inclusi i Liberi Professionisti) è quello di sostenere la nascita o lo sviluppo di attività volte alla promozione e allo sviluppo tecnologico nell'ambito dei beni culturali, dell’artigianato artistico, del design, dell’architettura e della musica. L'operazione messa in atto dal bando per le Startup Culturali e Creative è volto quindi a cofinanziare i costi di avvio e di primo investimento delle PMI dei settori culturale e creativo, fino all'80% delle spese ammesse e poi sostenute effettivamente. Nello specifico, sono ammessi i settori di attività legati al Patrimonio Culturale ed Artistico (arte, restauro, artigianato artistico, tecnologie applicate ai beni culturali, fotografia), Architettura e design (architettura, design, disegno industriale, design della moda), Spettacolo dal vivo, teatro, musica e danza, Audiovisivo, televisione e contenuti multimediali, Editoria e Radio, Comunicazione, promozione, pubblicità e marketing, Videogiochi e software. Tra le spese ammesse sono annoverati diversi tipi di investimenti materiali, immateriali e di funzionamento, a partire dai lavori di adeguamento delle strutture fino all'acquisto di impianti e macchinari o attrezzature commerciali, passando per le spese di costituzione delle nuove società agli investimenti immateriali e alle spese di promozione e pubblicità. Le domande per l’accesso al fondo possono essere presentate a partire dalle ore 12.00 del 6 ottobre 2022 e fino alle ore 18.00 del 27 ottobre 2022 tramite la piattaforma digitale di Regione Lazio GeCoWEB Plus. Per informazioni è possibile rivolgersi all’indirizzo: infobandi@lazioinnova.it
                  • Il Progetto

                    Dal 26 maggio all’11 giugno entra nella sua fase più calda, quella delle finali, LAZIOSound 2022, programma realizzato da Regione Lazio, con il supporto di LAZIOcrea, nell’ambito del programma regionale delle Politiche Giovanili GenerAzioniGiovani, con il sostegno del Dipartimento per le Politiche Giovanili. La fase finale dell’ambito contest, che ha visto la partecipazione di quasi mille realtà musicali provenienti dall'intero territorio laziale, si compone di un percorso a tappe in 6 luoghi della cultura quali teatri, scenari suggestivi e spazi musicali, e vedrà salire sul palco 60 semifinalisti (10 per categoria). Al loro fianco 6 ospiti d’eccezione: il 26 maggio sarà la volta di Anna Tifu al Teatro Manlio di Magliano Sabina (RI), Gemello il 27 maggio al Theatro Events di Viterbo, Chiara Civello il 28 maggio alla Certosa di Trisulti di Collepardo (FR), Inude il 3 giugno all’Eur Social Park di Roma, Fulminacci il 4 giugno al Sottoscala9 di Latina e il percussionista Dario Rossi l’11 giugno al Teatro Comunale ‘Francesco Ramarini’ di Monterotondo (RM). “Il Lazio è una regione piena di vitalità musicale, dai ragazzi che studiano in Conservatorio il Jazz o la Classica, fino a chi scrive canzoni impegnate o chi invece ha un taglio più pop - ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. -  L’aspetto innovativo di LAZIOSound è la ricerca delle eccellenze musicali in tutto il territorio della regione, unitamente alla creazione di una vera e propria music valley che andrà a presentare queste eccellenze dal vivo in sei diverse location in occasione delle finali. La grande partecipazione di ragazze e ragazzi racconta la loro voglia di suonare, produrre ed esprimersi attraverso l’arte. La capillarità della musica ne dimostra ancor più la forza come canale espressivo privilegiato. Il Lazio è una regione viva, vivace che produce cultura e da cui nascono eccellenze: la nostra missione, con LAZIOSound, è quella di intercettarle, valorizzarle e portarle all’attenzione di tutti. In bocca al lupo a tutte le ragazze e i ragazzi!” Anche per questa edizione, LAZIOSound non mette etichette alla musica, permettendo ad ogni realtà musicale di esprimersi e avere il suo palco. Ed è così che anche per il 2022 la call musicale della Regione Lazio ha riscosso una grande partecipazione dimostrando il grande fermento musicale e la voglia di suonare che pervade la regione e mostrando un panorama ricco e multiforme. Dal jazz al rap, dalla classica alla musica più sperimentale che sfugge alle più canoniche definizioni e per questo raggruppata nella categoria Borderless. "Dopo la grande risposta alla call di LAZIOSound Scouting” spiega Lorenzo Sciarretta, delegato alle Politiche Giovanili del Presidente, “iniziamo il nostro tour per portare la buona musica under35 tra le province del Lazio. Sei tappe che realizziamo in collaborazione di teatri, live club e luoghi della cultura, pilastri delle nostre città nel favorire l'aggregazione, la socialità e l'incontro. Con noi, accanto ai giovani artisti, ci saranno professionisti di fama nazionale ed internazionale che, insieme al pubblico, giudicheranno i candidati”. L’accesso alle finali è gratuito con prenotazione su DICE.FM per tutte le finali tranne che per la finale del 4 giugno a Latina. A Latina l’accesso all’evento è gratuito con prenotazione su DICE.FM + Tessera ARCI. Per chi non la avesse la può ottenere gratuitamente pre-iscrivendosi al link: https://portale.arci.it/preadesione/sottoscala9/ e ritirarla il giorno dell’evento. Il programma con link prevendite: Le finali di LAZIOSound 2022 Giovedì 26 maggio - I LOVE MOZART ORE 21.00 MAGLIANO SABINA (RI) Teatro Manlio con ANNA TIFU GIUDICI: Enrico Dindo e Silvia Colasanti - https://link.dice.fm/v604aae9ded8 Venerdì 27 maggio - URBAN ICON ORE 21.30 VITERBO Theatro Events con GEMELLO GIUDICI: Sine e Cristiana La Presa - https://link.dice.fm/de40b37c1e58 Sabato 28 maggio - JAZZOLOGY  ORE 16.30 COLLEPARDO (FR) Certosa di Trisulti con CHIARA CIVELLO GIUDICI: Mario Ciampà e Chiara Civello - https://link.dice.fm/A0329fd80ec1 Venerdì 3 giugno - GOD IS A PRODUCER feat. Spring Attitude ORE 21.00 ROMA Eur Social Park con INUDE GIUDICI: Andrea Esu e Eva Geist - https://link.dice.fm/O499f0071f6c Sabato 4 giugno - SONGWRITING HEROES feat. Spaghetti Unplugged ore 21.30 LATINA Sottoscala9 con FULMINACCI GIUDICI: Fulminacci e Romina Amidei - https://link.dice.fm/a0bd951a57ec Sabato 11 giugno - BORDERLESS  ore 21:00 MONTEROTONDO (RM) Teatro Comunale "Francesco Ramarini" con DARIO ROSSI feat. Dominio Pubblico GIUDICI: Dario Rossi e Paulonia Zumo - https://link.dice.fm/nff6b8738c00
                      • Il Progetto

                        È aperta la Call per la Troupe Cinematografica della sesta edizione di Castello Errante. Residenza Internazionale del Cinema: progetto cinematografico e audiovisivo che mira alla promozione dei borghi della Regione Lazio e della settima arte in tutte le sue sfumature. Indirizzata agli studenti di cinema e ai giovani professionisti Under 35 provenienti da tutta Italia e dall'America Latina, la call ha lo scopo di realizzare tre diverse opere filmiche: un corto documentario, un corto di finzione e uno spot. La call rimarrà aperta fino al 10 agosto 2022, quando partiranno le operazioni di selezione della troupe che si radunerà, in un piccolo borgo del Lazio, per formarsi e realizzare prodotti audiovisivi di finzione e documentaristici. La selezione si svolgerà tra ottobre e novembre 2022, sia in modalità online che in presenza, nel borgo di Santa Severa, situato nel comune di Santa Marinella, in provincia di Roma. Le posizioni richieste sono: regista del corto di finzione, regista del documentario, assistente alla regia, direttore/direttrice della fotografia, 1° assistente camera, direttore/direttrice del suono, scenografo/a, costumista, montatore/montatrice ed esperto di post-produzione. Per quello che riguarda la sceneggiatura, inoltre, il tema è libero: possono presentare proposte tutti gli autori e autrici Under-35 di nazionalità italiana o dei Paesi di Centro e Sud America. I tre prodotti cinematografici verranno realizzati dopo un percorso di apprendimento teorico, pratico ed esperienziale per essere poi promossi all'interno dei festival della rete di Castello Errante, nonché in altri eventi che prevedano specifiche sezioni di concorso riservate ai cortometraggi. Il progetto è organizzato dalla Occhi di Giove srl con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Lazio, del Programma Ibermedia e la collaborazione di IILA – Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana, Roma Lazio Film Commission, Fondazione Cinema per Roma, e le Ambasciate di Argentina, Cile, Costa Rica, Colombia, Cuba, Guatemala, Honduras, Messico, Nicaragua, Repubblica Domenicana e Uruguay, nonché diverse Scuole Nazionali di Cinema latinoamericane.
                          • Il Progetto

                            La Regione Lazio intende promuovere e valorizzare il capitale umano femminile sostenendo lo sviluppo di MPMI Femminili, in particolare favorendone i percorsi di innovazione mediante soluzioni ICT, in coerenza con la “Smart Specialization Strategy (S3)” regionale, quali:
                            • innovazione e miglioramento di efficienza dei processi produttivi all’interno dell’azienda, in particolare attraverso l’introduzione di tecnologie digitali;
                            • innovazione e ampliamento della gamma di prodotti e/o servizi;
                            • innovazione guidata dal design e dalla creatività;
                            • innovazione organizzativa e manageriale;
                            • innovazione di marketing e comunicazione, con particolare riferimento all’introduzione di strategie e strumenti di marketing digitale;
                            • eco-innovazione, ovvero miglioramento delle performance ambientali aziendali;
                            • safety-innovazione, ovvero miglioramento dei livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro e di responsabilità sociale dell’impresa, inclusa l’introduzione di tecnologie avanzate funzionali all’inserimento lavorativo di persone con disabilità.
                            Sono agevolabili Progetti che prevedono l’adozione di una o più nuove tecnologie o soluzioni digitali, o processi e sistemi di innovazione aziendali tra quelli di seguito elencati (le Tipologie di Intervento):
                            • tecnologie digitali e/o soluzioni tecnologiche consolidate che permettono di elaborare, memorizzare/archiviare dati, anche in modalità multilingua, utilizzando risorse hardware/software distribuite o virtualizzate in rete in un’architettura di cloud computing, quali ad esempio: realtà aumentata, wearable wireless devices e body area network, text e data mining, micro-nano elettronica, IoT (Internet of Things), piattaforme di erogazione servizi, internet e web 2.0, social media, eCommerce, eSupply Chain, GIS (Geographic Information System), new media, editoria digitale, piattaforme per la condivisione e il riuso di contenuti, sistemi di tracciabilità per l’autenticazione di prodotti e l’ottimizzazione di processi logistici;
                            • processi e sistemi di automazione industriale per il miglioramento della qualità del processo produttivo e dei prodotti (ad esempio macchine a controllo numerico), anche in termini di sicurezza e sostenibilità (riduzione impatto ambientale, riduzione utilizzo risorse, quali ad esempio energia e acqua);
                            • processi e sistemi produttivi flessibili, quali sistemi robotizzati “intelligenti”, interfacce evolute uomo-macchina, sistemi di programmazione e pianificazione intelligente dei compiti, in particolare per il miglioramento dell’efficienza energetica dei processi;
                            • processi e sistemi di fabbricazione digitale, inclusa l’adozione di tecnologie digitali avanzate a supporto dei processi produttivi (ad esempio stampa 3D, prototipazione rapida, ecc.).
                            I Progetti devono essere avviati (incarico, contratto o documento analogo) successivamente alla data di presentazione della Domanda, fatto salvo eventuali spese per la progettazione. I Progetti devono essere completati, pagati e rendicontati entro 9 mesi dalla Data di Concessione.
                              • Il Progetto

                                OBIETTIVI Zagathon4Next (Z4N), il laboratorio di co-progettazione di Lazio Innova, riapre per sostenere la progettazione di luoghi, media, servizi, prodotti e organizzazioni basati sulla inclusione e sulla forza della diversità, in collaborazione con Mylia  – il brand di Adecco che si occupa di Formazione e sviluppo e con SET. L’edutainment o intrattenimento educativo è una forma di intrattenimento finalizzata sia a educare sia a divertire. L’obiettivo di “Zagathon 4 Next – L’Edutainment come leva di inclusione!” è guidare i partecipanti a disegnare prodotti digitali per la formazione professionale che sappiano sfruttare le dinamiche del gioco per insegnare il rispetto reciproco, la valorizzazione delle diversità e l’inclusione. Si tratta di un percorso formativo che intende rafforzare il collegamento tra formazione sui temi del design dei servizi digitale e il mondo delle imprese.    
                                  • Il Progetto

                                    “In una dimensione diversa, intima e senza tempo, toccarsi e creare un contatto tra anime attraverso i nostri corpi”: questa l’essenza del videoclip conclusivo del progetto Mi dici il tuo nome, promosso dal gruppo Under35 Margot Theatre e vincitore di VitaminaG, realizzato nell’ambito del programma GenerAzioni Giovani delle Politiche Giovanili della Regione Lazio con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per la Gioventù.

                                    Diversità e inclusione sono i temi principali di ‘Mi dici il tuo nome’ che ha preso vita grazie al lavoro di condivisione e scoperta fatto attraverso i laboratori sul corpo di Margot Theatre, insieme ad un ciclo di quattro incontri con esperti esterni.

                                    Nel videoclip, i ragazzi – di età compresa tra i 14 e i 20 anni – pongono al centro del racconto la riscoperta del proprio corpo e di quello dell’Altro da sé, per arrivare all’essenza al dialogo tra le anime dei soggetti coinvolti, in un processo di Community Building. Un dialogo tra anime per imparare a conoscersi, fino ad arrivare alla comprensione e alla fiducia.

                                    In un crescendo naturale fatto di gesti e momenti semplici, i ragazzi portano sullo schermo le diverse fasi di un incontro: dal primo sguardo, che si evolve successivamente nel contatto che sia esso uno sfiorarsi delicato o una carezza sul viso. Alcuni di loro ridono, altri sorridono, mossi dalla forza di quell’incontro. L’energia si fonde divenendo una sola, portandoli a muoversi simultaneamente. Tra prove di equilibrio e di intersezione, le coppie fondono le loro individualità arrivando a camminare insieme fino ad arrivare ad un gesto di grande fiducia nel prossimo. I ragazzi si lasciano andare ad una caduta, un volo libero certi della presenza degli altri che li accoglieranno nelle loro braccia. Un abbraccio finale, ne sottolinea e celebra l’unità.

                                    Mi dici il tuo nome è un progetto di Margot Theatre, vincitore del bando Vitamina G, realizzato nell’ambito del programma GenerAzioni Giovani delle Politiche Giovanili della Regione Lazio con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per la Gioventù. Il progetto è patrocinato dal Comune di Cerveteri.

                                     
                                    Visualizza questo post su Instagram
                                     

                                    Un post condiviso da Regione Lazio (@regionelazio.official)

                                      • Il Progetto

                                        Ammonta a complessivi 400.000 euro di risorse regionali la dotazione finanziaria dell’avviso pubblico approvato dalla Regione Lazio tramite la Direzione Cultura e Lazio Creativo e denominato “Lazio Street art 2022”. Giunto alla sua seconda edizione, l’avviso intende valorizzare la street art attraverso la selezione di progetti aventi ad oggetto interventi da realizzare nel Lazio concedendo contributi a fondo perduto. Le proposte progettuali, in linea con quanto individuato dalla Regione Lazio negli atti citati in premessa, devono:
                                        1. essere volte alla realizzazione di un intervento di rigenerazione urbana da attuare attraverso un intervento di Street Art (quale ad esempio: murales, mosaico, installazioni);
                                        2. consistere nella realizzazione di un’opera artistica singola, o di plurime opere artistiche purché collegate da un unico progetto artistico;
                                        3. essere realizzate entro 9 (nove) mesi dalla data di accettazione del contributo;
                                        4. ispirarsi ai seguenti ambiti tematici:
                                        • identità del luogo prescelto;
                                        • integrazione e rispetto delle differenze;
                                        • ambiente, natura, sostenibilità;
                                        • patrimonio storico e artistico;
                                        1. non avere finalità di veicolazione di messaggi pubblicitari di natura commerciale e non contenere elementi lesivi od offensivi della dignità personale, della pubblica decenza o di convinzioni etiche, morali, politiche, sindacali o religiose;
                                        2. riguardare opere che devono avere la caratteristica della “unicità”, ossia non devono essere prodotte in più esemplari;
                                        3. non consistere nella mera riproduzione di opere già esistenti, ferma restando l’ammissibilità delle cd. “opere derivate”, di cui all’art. 4 della Legge n. 641/1941, in quanto frutto di rielaborazione creativa di opere già esistenti, purché realizzate nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di tutela dei diritti d’autore dell’opera originaria;
                                        4. riguardare opere per le quali sia stata valutata la capacità di essere garantita la conservazione, l’accessibilità e la fruibilità al pubblico per almeno due anni decorrenti dalla data di inaugurazione al fine di promuovere il territorio ed incoraggiare lo sviluppo dell’aggregazione;
                                        5. riguardare opere da realizzare su beni o spazi nell’ambito del territorio della Regione Lazio, che dovranno essere individuati dal soggetto proponente che si assumerà l’onere dell’espletamento delle necessarie verifiche circa la fattibilità della proposta nel luogo indicato anche in relazione all’eventuale acquisizione dai competenti enti/soggetti dei permessi e/o autorizzazioni/consensi/nulla osta necessari per la realizzazione dell’opera;
                                        6. avere l’assenso del proprietario del bene o dello spazio destinato alla realizzazione dell’intervento di Street art proposto, ove si tratti di soggetto diverso dal proponente, con il contestuale impegno a garantirne, in concorso con il medesimo proponente, l’accessibilità, fruibilità e conservazione per un periodo di almeno 2 anni decorrenti dalla inaugurazione;
                                        7. prevedere un piano di promozione dell’intervento di Street Art e della relativa inaugurazione;
                                        8. prevedere la realizzazione da parte di uno o più artisti che non devono essere stati individuati all’interno di altre proposte progettuali presentate nell’ambito del presente avviso