• Il Progetto

      Vivere il territorio in maniera consapevole, con lentezza, assaporando il piacere dello stare insieme e della natura che ci circonda. Tutto questo e molto di più è l’Ostello di Colle Mordani, un luogo magico e ricco di fascino a Trevi nel Lazio (FR), nel cuore dei Monti Simbruini.

      [caption id="attachment_3675" align="alignleft" width="300"] CREDITI: Foto via Comunicazione GenerAzioni Giovani[/caption]

      Un luogo per i giovani, gestito da giovani. Un complesso edilizio rurale che, grazie al lavoro e all’impegno delle ragazze e i ragazzi Under35 della cooperativa Le Casette, è stato riqualificato e trasformato in luogo di aggregazione e valorizzazione delle bellezze locali. Il progetto rientra tra le azioni messe in campo dalla Regione Lazio nell’ambito del programma GenerAzioniGiovani.it, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri, volto alla valorizzazione del patrimonio  regionale e al coinvolgimento dei giovani del territorio.

         

      6 strutture multifunzionali, con 11 stanze per un totale di 29 posti letto (che possono arrivare fino a 34). E, ancora, una sala convegni, uno spazio comune esterno che ospiterà anche eventi e manifestazioni e, infine, un ristorante in cui gustare la cucina tradizionale casereccia: piatti tipici realizzati con ingredienti che arrivano dal territorio e che seguono la stagionalità.

      [caption id="attachment_3677" align="alignleft" width="300"] CREDITI: Foto via Comunicazione GenerAzioni Giovani[/caption]

      Un complesso di straordinaria bellezza dove sperimentare un turismo lento e consapevole, attento alle specificità territoriali. Da qui, è possibile partire per escursioni in mountain bike, passeggiate a cavallo, trekking e visite guidate lungo gli itinerari turistici a cavallo tra il Lazio e l’Abruzzo.

      Accanto alle numerose attività naturalistiche, sportive e culturali rivolte prevalentemente ai giovani, nel corso dell’anno, sono previste diverse attività quali manifestazioni culturali, feste eventi e festival legati alla tradizione del territorio.

       

      Tutte le info sono disponibili qui.

        • Il Progetto

          "Casale Poderenovo" di Torre Alfina nel comune di Acquapendente in provincia di Viterbo è un antico casale che entra a far parte dei beni che la Regione Lazio sta recuperando e restituendo ai territori con il progetto ‘Itinerario Giovani: Spazi e Ostelli

          Taglio del nastro per l’Ostello della Gioventù ‘Casale Poderenovo’ di Torre Alfina nel comune di Acquapendente in provincia di Viterbo. Oggi, 6 maggio, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha inaugurato la struttura, in occasione della fine dei lavori di ristrutturazione dell’antico casale che così entra a far parte dei beni che la Regione Lazio sta recuperando e restituendo ai territori con il progetto ‘Itinerario Giovani: Spazi e Ostelli’. Con la riorganizzazione degli spazi, l’Ostello è completamente operativo come luogo di ospitalità e centro di aggregazione. Presenti all’evento il sindaco di Acquapendente Angelo Ghinassi, il vice Sindaco di Acquapendente Mauro Bellavita, il presidente del Consiglio di Frazione Mauro Favero e il presidente del Consiglio dei Giovani di Acquapendente Federico Bucchi.

          Il rinnovamento dello stabile in cui ha sede l’Ostello è stato finanziato con un contributo regionale di circa 120mila euro, in collaborazione con il Comune di Acquapendente che ha messo a disposizione l’antica struttura, investendo circa 30mila euro. L’iniziativa fa parte del progetto regionale ‘Itinerario Giovani’ che punta a sostenere i territori attraverso la valorizzazione di beni pubblici messi a disposizione di giovani e comunità.

          “Oggi apriamo le porte di un luogo bellissimo che si trova all’interno della scenografia mozzafiato della Riserva di Monte Rufeno e dell’adiacente Bosco Monumentale del Sasseto. Il ‘Casale Poderenovo’ diventa in questo modo un bene della comunità, un Ostello per giovani e famiglie gestito da ragazze e ragazzi del posto, e anche un luogo dove fare cultura e dove creare animazione. È una grande soddisfazione ed è anche una scelta di campo, perché è giusto investire sulle nuove generazioni. È anche un bel messaggio di collaborazione e fiducia che punta a innescare un meccanismo virtuoso in cui il territorio genera una buona economia, dove le qualità locali sono esaltate alla massima potenza. I territori del Lazio sono vivaci e sono una grandissima risorsa per tutta la regione, è un dovere fare di tutto per mantenerli vivi e produttivi”. Ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

          All’interno del casale ci sono complessivamente 26 posti letto distribuiti in: 8 camere con servizi igienici, 1 cucina a uso comune e 1 sala polifunzionale per le attività indoor che si trovano nel corpo principale del casale, mentre nella sezione aggiunta ci saranno 8 posti letto, in 2 camere da letto con servizi igienici. La struttura sarà dotata di WiFi e con un sistema di illuminazione nell’area esterna al casale.

          La gestione della struttura è stata affidata dal Comune di Acquapendente alla cooperativa L'Ape Regina che svolgerà funzioni di coordinamento e di tutor nei confronti del gruppo di ragazze e ragazzi under 35 che gestiranno l’Ostello. I giovani proporranno agli ospiti attività sportive, culturali, ambientali e ricreative, e organizzeranno soggiorni per gruppi scolastici e associazioni, da svolgere anche indoor nella grande sala polifunzionale. Inoltre, l’Ostello sarà convenzionato, offrendo uno sconto del 10%, con LAZIO YOUth CARD l’App della Regione Lazio che consente ai giovani di età compresa tra i 14 ed i 30 anni (non compiuti) di accedere ad agevolazioni e convenzioni nel mondo della cultura, dello sport e del turismo in Italia e all’Estero. Per tutte le informazioni sull’ostello è possibile consultare il sito www.ilpoderenovo.laperegina.it.

          “Per rispondere alla domanda di spazi per i giovani – dichiara il delegato del Presidente alle Politiche Giovanili, Lorenzo Sciarretta –, nel Lazio stiamo rigenerando edifici pubblici come il Casal Podernovo ad Acquapendente. Anche qui, la riapertura e la gestione della nuova struttura sarà guidata da ragazze e ragazzi che diventeranno protagonisti della ripresa culturale, economica e sociale del proprio territorio: un altro modo per combattere la fuga dei giovani e dare nuove opportunità ai piccoli borghi della nostra Regione. Con le Politiche Giovanili vogliamo sostenere, valorizzare e scommettere sulle energie e sulle capacità di visione dei giovani”.

          Il Podernovo è stato costruito all’inizio del 1900 ed è un tipico edificio rurale dell’Alta Tuscia, un antico rifugio lungo il percorso che univa la Riserva Naturale Monte Rufeno con la Selva del Lamone, dove anticamente si nascondevano le bande di briganti della zona. È costituito da due fabbricati distinti. Quello principale, il più grande, è costituito da un piano terra e da un primo piano. Il secondo fabbricato, più piccolo, era un casino di caccia degli antichi proprietari ed è composto da due piani. Negli anni 50 la struttura era un casale abitato da famiglie della comunità rurale locale. In seguito all’abbandono delle campagne, il Podernovo rimase chiuso per molti anni e fu ristrutturato e reso agibile nel 2006. Negli ultimi anni è già stato utilizzati per attività affini a un Centro di ricezione turistica.

          ‘Itinerario Giovani: Spazi e Ostelli’ è un progetto finanziato dal programma ‘GenerAzioniGiovani’ delle Politiche Giovanili dalla Regione Lazio con il sostegno economico della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il programma di interventi prevede la rifunzionalizzazione complessivamente di 16 nuovi spazi, palazzi, uffici, scuole, caserme, stazioni, luoghi di culto - non utilizzati se non addirittura abbandonati - che verranno riqualificati e trasformati in ostelli o in siti di animazione culturale. La realizzazione dei progetti sarà gestita da organizzazioni formate under 35 che avranno il compito riattivare i luoghi, attrarre flussi esterni e coinvolgere le comunità giovanili locali.

          [embed]https://www.youtube.com/watch?v=oBr8eYQyP9k[/embed]

            • Il Progetto

              A Frosinone, nella Valle del Liri, troviamo Arpino. Sovrasta il centro storico la splendida Acropoli di Civitavecchia con la Torre di Cicerone e, tutto intorno, ulivi secolari. Nel Convento di San Lorenzo, troverai un Ostello gestito dai giovani: l’Ostello di San Lorenzo, che organizza tantissime attività per vivere il territorio.

                • Il Progetto

                  A San Nicola a Itri, nel Parco dei Monti Aurunci (un’area naturale protetta di quasi 20mila ettari) una residenza nobiliare d’inizio Novecento, Villa Iaccarini, è diventata l’Ostello Ossigeno, meravigliosamente immerso nella natura in gran parte incontaminata, con eccezionali aspetti floro-faunistici, idrogeologici e speleologici.

                  Un eco-ostello che organizza, per gli sportivi under35 come te, trekking ed escursioni alla scoperta della natura, ma anche del folklore e dei piatti tipici locali.

                    • Il Progetto

                      Siamo lungo la via Francigena, a Caprarola, dominata da Palazzo Farnese, la dimora storica rinascimentale-manierista progettata nel 1500 da Jacopo Barozzi da Vignola. L’Ostello Farnese è nelle ex scuderie di Palazzo Farnese che risalgono alla fine del 1500, splendidamente affacciate sulla campagna romana e circondate da un maestoso parco di piante secolari di circa 2 ettari.

                      A Caprarola storia e arte si uniscono per dare vita a un borgo medievale di straordinaria bellezza, immerso nella Riserva Naturale del Lago di Vico. Il bacino lacuale “a ferro di cavallo” è circondato dai monti Cimini, la terra di quelle gustose nocciole che regaleranno i gusci per alimentare la caldaia dell’Ostello Farnese. Curioso, no?

                         
                        • Il Progetto

                          Siamo a Bassiano, Bandiera Arancione Touring Club e tra “I Borghi più belli d’Italia”. È il luogo di nascita di Aldo Pio Manuzio, il celebre grammatico e umanista italiano, e fra i primi editori moderni in Europa. Introdusse il carattere a stampa corsivo e il formato in ottavo, segnando la storia dell’editoria e della tipografia. L'Ostello Santangeli è proprio nella via a lui dedicata.

                          Un Ostello per un turismo low cost nel centro storico del borgo, vicino al Santuario della SS Trinità e al Museo delle Scritture. Non solo sport ed escursioni per gli ospiti under35: andrai alla scoperta dell’arte della scrittura. Chi organizza? Ragazzi come te!

                             
                            • Il Progetto

                              A Rivodutri, in una straordinaria posizione panoramica, l'Ostello Cammino di Francesco si affaccia sulla Valle Santa, sulla piana reatina e sui laghi Lungo e Ripasottile. Immersi tra boschi e faggete a ridosso del Terminillo e dei monti Reatini, si narra che alla Sorgente di Santa Susanna sia nato il passo sull’acqua nel Cantico delle Creature dalle mani di San Francesco.

                              Che tu sia un pellegrino o un trekker, ti trovi nel posto giusto per andare alla scoperta di borghi, boschi e faggete nella Riserva Naturale dei laghi Lungo e Ripasottile.

                              E se viaggi da solo, ti basta andare nella sala comune, dove troverai giochi, libri e pc per scegliere le attività organizzate dall’Ostello a cui partecipare con gli altri ospiti under35.

                                • Il Progetto

                                  Configni, a Rieti, è un piccolo borgo medievale che porta nel nome la sua caratteristica di luogo di confine, segnando il limite settentrionale del Lazio con l’Umbria. Alle pendici del monte Cosce, tra le cime più alte dei monti Sabini, il centro storico di Configni è caratterizzato dalle mura castellane che delimitavano l’antico Castrum Confinei, su cui si affaccia l’Ostello degli Orsini.

                                  L’Ostello è anche una residenza diffusa, un centro di smistamento verso case private e altre strutture ricettive del territorio tramite CouchSurfing, NightSwapping, GoCambio e Wwoof.

                                  Nei 3 piani della struttura, troverai degli spazi comuni dove socializzare con altri under35 come te e partecipare a eventi e attività. L’ostello di Configni è convenzionato con LAZIO YOUth CARD, l’applicazione dei giovani per i giovani della Regione Lazio.

                                  Ti aspettiamo!

                                    • Il Progetto

                                      Immagina di tornare indietro nel tempo. Siamo nel Medioevo e tra faggete, valloni, fiumi e grotte scorgiamo una casa in pietra. Torniamo nel XXI secolo… sei arrivato all’Ostello Colle Mordani! L’atmosfera è magica qui a Trevi nel Lazio. Immersi nel Parco dei Monti Simbruini, non è raro imbattersi in insediamenti d’impianto medievale. Colle Mordani conserva l’architettura originaria tipica dei borghi antichi: pietra calcarea con copertura in orditura di legno e manto di coppi. In questo Ostello non ci sono solo natura e silenzio! Nel nuovo anfiteatro all’aperto incontrerai altri under35 come te per goderti spettacoli e attività organizzate.
                                        • Il Progetto

                                          Ti piacerebbe dormire in una riserva naturale? L’Ostello Il Podernovo è costruito in un podere d’inizio ‘900 ad Acquapendente, un antico rifugio lungo il percorso che unisce la Riserva Naturale di Monte Rufeno con la Selva del Lamone, dove anticamente si nascondevano le bande di briganti della zona. I briganti sono spariti da tempo per cedere il passo nell’Ostello ai ragazzi a caccia d’incanto nel Bosco del Sasseto, o di Biancaneve, come molti chiamano questa selva ai piedi del castello di Torre Alfina, uno dei Borghi più Belli d’Italia.

                                          L’Ostello è convenzionato con LAZIO YOUth CARD e offre uno sconto del 10% ai giovani tra i 14 ed i 30 anni con l’App della Regione Lazio!