• Il Progetto

      Rocca Janula, uno dei monumenti più importanti della città di Cassino, si prepara a vivere una nuova vita grazie alla sua trasformazione in un Centro di Sosta nel cuore dell'area protetta del Monumento Naturale di Montecassino. Stiamo parlando di un punto di riferimento d’eccezione, una delle perle del Lazio che, riaperta nel 2021 dopo l'opera di restauro portata avanti dal Ministero dei Beni Culturali, a partire dal 15 giugno 2022 diventa bene comune per i cittadini come “Centro di Sosta Rocca Janula”. Un progetto realizzato nell'ambito di Itinerario giovani: spazi e ostelli, parte del programma GenerAzioniGiovani.it della Regione Lazio, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù. Con il supporto fondamentale del Comune di Cassino e, grazie ad una ATS tra Borghi Artistici Impresa Sociale e la società cooperativa La Tana (e con la forza degli Under-35 del territorio), il Centro di Sosta Rocca Janula si prepara così ad un vero e proprio mutamento volto a renderlo snodo culturale e sociale del territorio. La Rocca è finalmente visitabile grazie a nuovi orari di apertura e all'accompagnamento di una guida della Cooperativa Poieo e, in tutti i week-end dell'estate, sarà affiancata dalle attività di una zona relax e picnic aperta a tutti i cittadini. Il monumento è stato inoltre potenziato grazie all'installazione di nuove strutture, con lo sviluppo di un punto d'accoglienza e orientamento dei visitatori. A quest'opera si affianca la valorizzazione degli spazi pertinenti, che trasformeranno il Centro di Sosta Rocca Janula in un vero e proprio polo culturale e turistico, grazie all'organizzazione di visite guidate e laboratori rivolti alle famiglie e alle scuole, oltre ad attività di accoglienza turistica connesse alla Rievocazione Storica (in collaborazione con l'Associazione I Corvi di Giano). La gestione dei servizi di catering e di biglietteria, inoltre, è totalmente a cura dei ragazzi con disabilità del progetto Made In Special Hands (in collaborazione con l’Associazione Sympas).
        • Il Progetto

          Ad Anguillara Sabazia nasce Spazio Porta del Parco, un nuovo luogo di incontro e centro di attivazione turistica gestito dall’Associazione Giovanile Fidelia. Il progetto, che rientra nell’ambito di Itinerario Giovani, iniziativa del programma GenerAzioniGiovani.it della Regione Lazio, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù, ha trasformato l’ex struttura del mattatoio in un luogo dalla grande vitalità. Spazio Porta del Parco, ideato grazie alla promozione dell’Ente di gestione del Parco Naturale Regionale Bracciano-Martignano – che da sempre valorizza le bellezze dell’area – è un luogo multifunzionale, in cui si incontrano attività turistiche, culturali, sportive, ambientali, artistiche, artigianali, didattiche, turistiche, agricole e di promozione. “Spazio Porta del Parco è soprattutto un’impresa rivolta ai giovani per offrire un'aria di cambiamento al sempre più decrescente sviluppo territoriale - ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - Un centro d’aggregazione per i giovani, dunque, in grado di offrire spazi di studio e di lavoro, ma anche didattica per bambini e un bistrot con prodotti a km0. Senza dimenticare la bellezza naturalistica del luogo, che sorge tra i laghi di Bracciano e Martignano in un crocevia perfetto per escursioni e come punto di partenza per scoprire i tesori storici e archeologici del territorio. Questo è un altro luogo per i giovani realizzato dai giovani. Un altro progetto in cui la Regione Lazio ha creduto e che ha voluto fortemente per offrire spazio e visibilità ai nostri ragazzi”. L’offerta di Spazio Porta del Parco è ampia, pensata per far vivere la struttura durante tutto l’arco della giornata. Troviamo quindi il Coworking Café, luogo di incontro, lavoro, studio e relax che accoglie un'utenza di ampio respiro come studenti, ricercatori, persone di passaggio o turisti. Il Convivio, la dispensa di un territorio colto, vivace e affascinante dove ogni ospite avrà la possibilità di conoscere la straordinaria essenza della provincia romana con prodotti lavorati direttamente in loco con ingredienti accuratamente selezionati e scelti dalla filiera del territorio. All'esterno, un Punto Ristoro promuove i prodotti tipici locali, dai primi piatti ai centrifugati e bevande alcoliche e analcoliche. L'Officina Didattica offre tanti corsi dallo sport al benessere alla cultura, lavori manuali, laboratori di formazione per grandi e piccini, visite guidate e attività mirate per poter osservare da vicino la ricca biodiversità che offre l'area parco e imparare a riconoscerne le caratteristiche attraverso lezioni mirate Rosa D'Eventi è il luogo invece dove arte e natura si incontrano con escursioni guidate nell'area Parco a tema storico e naturalistico, aperitivi culturali, promozione dei giovani artisti e musicisti emergenti del territorio e una Sala congressi per convegni, seminari, cerimonie e incontri. https://youtu.be/RcZa5i0q58g
            • Il Progetto

              SCENA è il nuovo spazio polivalente e polifunzionale della Regione Lazio ospitato negli spazi dello storico ex Filmstudio di Trastevere. Un luogo ricco di storia e suggestioni che torna a disposizione di tutte e tutti con una ricca offerta culturale e formativa sulla Settima Arte e non solo. Spazio Scena è adatto a ospitare diverse tipologie di eventi e attività grazie ai suoi spazi moderni e funzionali dotati di Wi-fi gratuito a disposizione di tutti i visitatori. La Sala 1 ospita proiezioni, anteprime, festival e rassegne e importanti occasioni formative per gli studenti di tutte le età. La Sala 2 è uno spazio polivalente, in grado di ospitare presentazione di libri e mostre ma adatta anche a corsi o come sala prove.  
                • Il Progetto

                  Riscoprire le bellezze del Lazio attraverso sport, avventura, natura enogastronomia: è possibile grazie a TeverExplora e Tevere Point, progetto che rientra nellambito di Itinerario giovani: spazi e ostelli” iniziativa del programma GenerAzioniGiovani.it della Regione Lazio, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù.

                  Da Sabato 23 Aprile presso lo Spazio Tevere Point nella Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere Farfa, prenderanno il via una serie di eventi che consentiranno a visitatori e turisti di scoprire o riscoprire la valle del Tevere. Un territorio ricco di storia, cultura, tesori e misteri.

                  Protagonista assoluta di questa serie di appuntamenti sarà la Media Valle del Tevere, un’area capace di sorprendere e regalare esperienze indimenticabili. Si tratta di una zona la cui biodiversità è estremamente ricca, caratterizzata da reperti e aeree archeologiche preziose; tra questi il Lucus Feroniae a Capena.

                  Nuovi itinerari escursionistici, archeologici e tematici vi aspettano allo Spazio Tevere Point. L’offerta è consultabile anche su teverexplora.it la piattaforma di informazione e prenotazione di Tevere Point, organizzata in 5 settori: Sport, Natura, Turismo, Navigabilità, Enogastronomia.

                    • Il Progetto

                      Dal 2 al 30 aprile presso Scena, lo spazio polivalente della Regione Lazio ospita la prima edizione di CinEU Forum. Un’occasione per parlare di partecipazione democratica ed integrazione europea, diritti LGBTQIA+ e solidarietà intergenerazionale attraverso lo sguardo delle giovani eccellenze del nuovo cinema italiano.

                      Un’iniziativa promossa dalla Regione Lazio in collaborazione con LAZIOcrea, la European Youth Card Association (EYCA) e il Parlamento Europeo, all’interno della campagna di comunicazione #StandForSomething, per la sensibilizzazione e la promozione dell’impegno civico dei giovani nelle politiche europee nel contesto della Conferenza Sul Futuro dell’Europa (www.istandfor.eu).

                      Attraverso proiezioni, testimonianze, ospiti, artisti e protagonisti delle nuove visioni del domani, per quattro fine settimana, si parlerà dei giovani e della loro Europa, verranno raccolte idee e priorità per le politiche di domani. Obiettivo: rispondere alle grandi sfide delle nuove generazioni e sul futuro dell’Unione Europea.

                      Ogni appuntamento di CineEu Forum avrà un tema specifico e vedrà ospiti di spicco del mondo sociale e politico confrontarsi con i giovani del territorio. Tema del primo appuntamento il 2 aprile sarà la tematica dei diritti LGBTQIA+. Il film scelto è ‘Il Padre d’Italia’, per la regia di Fabio Mollo che sarà ospite con Pietro Turano (attore e attivista della comunità LGBT) e altri decisori politici. La pellicola del 2017, che vede protagonisti Luca Marinelli e Isabella Ragonese, affronta il tema dell’amore mai contro natura, della necessità e della paura di una generazione, sempre alla ricerca del suo destino, di appartenere a qualcuno.

                      Venerdì 8 aprile sarà la volta del film Aquile Radangie di Gianni Aureli che farà da spunto a un dibattito sul tema della partecipazione giovanile attraverso l’esperienza degli Scout. Ospiti: il regista Gianni Aureli ed esponenti del mondo del volontariato e dello scoutismo.

                      Integrazione europea e federalismo, saranno i temi del terzo appuntamento il 15 aprile che vedrà la proiezione del film Buon Vento di Andrea Caciagli. Un documentario che racconta l’esperienza del seminario di formazione federalista che ogni anno si tiene a Ventotene.

                      CinEU Forum si concluderà  sabato 30 aprile con la proiezione del film Regina di Alessandro Grande, vincitore del Ciak d’Oro 2021 come Miglior Opera Prima. Si tratta del racconto del sottile equilibrio nella relazione tra un padre (interpretato da Francesco Montanari) e una figlia (Ginevra Francesconi). Saranno presenti il regista e lo sceneggiatore del film Mariano di Nardo.

                      Per partecipare agli eventi, è possibile prenotarsi nei giorni precedenti l’evento attraverso due modalità: attraverso l’app LAZIO YOUth CARD o tramite i canali dello spazio SCENA.

                      Dopo ogni proiezione seguirà aperitivo.

                      • Il Progetto

                        Corsi di Dragonboat, kayak, canoa, tiro con l'arco, escursioni in bici, a cavallo o a piedi. Tutto questo e molto altro è l'offerta proposta da 'Tevere Point': uno spazio multifunzionale sullo sponde del fiume Tevere, nel comune di Torrida Tiberina, gestito e pensato da Under35. Dedicato alla promozione e al sostegno del turismo a misura di giovani, il Centro di Sosta 'Tevere Point' nasce all'interno del progetto Teverexplora® ideato dal trentenne Matteo Carratoni e vincitore della call "Itinerario Giovani spazi e ostelli" promosso dalla Regione Lazio. Siamo nel cuore della Riserva Naturale Nazzano Tevere - Farfa, un luogo di straordinaria bellezza, una porta d'accesso alle bellezze della Media Valle del Tevere.
                        "La nostra storia e la nostra identità culturale derivano dall’ambiente in cui si sono sviluppate - spiega Carratoni - Rapportarsi alla Valle del Tevere significa recuperare le nostre origini. Mi piace pensare che Teverexplora® rappresenti un mezzo per trasferire questo valore alle nuove generazioni puntando sul divertimento e la scoperta".
                        Sport, attività ricreative, culinarie, eventi: un'offerta variegata e digitalizzata per permettere a tutti di personalizzare la propria esperienza a seconda delle proprie esigenze. Tevere Point offre la possibilità al turista di vivere un'avventura unica alla scoperta del fiume e della natura circostante, con 60 km di itinerari fluviali e ciclopedonali all'interno della Riserva Naturale resi accessibili grazie alla scrupolosa operazione di mapping realizzata dal Google Trusted Photographer Federico Debetto.
                          • Il Progetto

                            Apre il 5 maggio 2021 Cento Incroci, a 2 anni dagli atti vandalici che bruciarono la Pecora Elettrica a Centocelle. È il nuovo hub culturale e polifunzionale regionale che, già nel nome, evidenzia l’incontro delle proposte della gente del quartiere romano in un locale dove socializzare, studiare, lavorare, informarsi e imparare.

                            È una sala lettura, un’aula studio, un laboratorio per attività sociali e creative per grandi e piccoli. È una biblioteca che arricchisce il quartiere e si arricchisce al tempo stesso con il bookcrossing. È anche un punto informazioni sulle opportunità da cogliere nel Lazio: bandi, eventi formativi, finanziamenti per le imprese e scoperta del territorio.

                            E poi ci sono le attività proposte dalla gente, dalle associazioni di quartiere, dagli operatori artistici e culturali, ispirate ai valori della Costituzione Italiana: libertà, partecipazione, dignità, legalità, uguaglianza e antifascismo. Invia una mail a centoincroci@laziocrea.it e racconta la tua idea!

                              • Il Progetto

                                All’ombra del Colosseo, si rianima una struttura inutilizzata da oltre 10 anni e apre nel 2017 l’Hub Generazioni, un unico spazio polifunzionale per trovare tutte le occasioni che cercavi su lavoro, formazione, sviluppo d’impresa, cultura e diritto allo studio. È un grande punto informazioni per accedere ai servizi, ai bandi, agli spazi e alle opportunità della Regione Lazio dedicati ai giovani tra i 18 e i 35 anni.

                                È ora di crescere. Scopri come!

                                  • Il Progetto

                                    La Regione Lazio nel 2016 ha riaperto al pubblico gli ex bagni pubblici del quartiere Garbatella. Una nuova veste per l’edificio progettato dall’architetto Innocenzo Sabatini, oggi trasformato in uno spazio polivalente e didattico, un hub culturale aperto al pubblico. Si chiama Moby Dick, come il racconto della grande balena bianca di Herman Melville. E proprio questo è: un enorme spazio di condivisione, una Casa delle Culture dove ci si ritrova per uno scambio tra italiani e stranieri, si studia, si partecipa o si è protagonisti di un evento, o semplicemente si legge un libro.
                                      • Il Progetto

                                        MEMO è un centro culturale nel cuore del quartiere della Garbatella (Roma) a disposizione della cittadinanza, uno spazio di formazione, didattica e incontri, che ospiterà seminari, convegni, presentazioni, esposizioni per conoscere e approfondire gli eventi e i protagonisti della storia del Novecento italiano.

                                        MEMO ospita al piano terra una reception, dove i ricercatori verranno accolti su prenotazione, e una sala lettura da 14 posti per la consultazione dei documenti. Il piano seminterrato accoglierà invece la sala archivio dove sarà conservato il patrimonio documentale.

                                        MEMO, grazie a Regione Lazio, custodisce l’immenso patrimonio documentale dell'Archivio Flamigni, uno dei più importanti centri di documentazione nazionali, specializzato nello studio della storia dell'Italia Repubblicana, in particolare degli eventi legati a terrorismo, stragi, eversione politica, mafia e criminalità organizzata.

                                        Lo spazio è a poca distanza da via Ostiense e dalla Circonvallazione Ostiense, due arterie principali di questo quadrante della Capitale, e in prossimità di diversi centri e punti d’aggregazione universitari.